Cerca in YouTube:

Loading...

lunedì 31 luglio 2017

Slow Travel Fest

L’ “esperienza della scoperta” vissuta mediante un ricco programma culturale ed escursioni nei tre giorni del festival del viaggio lento, a piedi e in bicicletta, dal 22 al 24 settembre ad Abbadia a isola nel Comune di Monteriggioni. Un borgo, chiamato

in questo modo in quanto sorgeva anticamente ai margini di una palude, e dunque l’abbazia, fondata nell’ anno 1001 d.C, sembrava poggiare su un’isola. Lo Slow Travel Fest, giunto alla terza edizione, farà vivere ai
viaggiatori una serie di esperienze outdoor lungo la Via Francigena e
sulla Montagnola Senese.Verranno ospitati autori che hanno messo il cammino e il viaggio lento al centro della loro narrazione. Nella forma del racconto recitato, Davide Sapienza farà rivivere la figura di Jack London, il cantore della natura vissuta in prima persona e in
assoluta libertà. Tiziano Fratus, autore di libri come il Manuale del perfetto cercatore d’alberi, condurrà incontri per cercatori d’alberi secolari, vere immersioni alla scoperta del patrimonio arboreo, e attraverso di esso, delle proprie radici. Farà ritorno al festival Darinka Montico, blogger, fotografa, mondonauta, che ha

dedicato gli ultimi anni a viaggi a piedi e in bicicletta alla scoperta dell’Italia e alla ricerca della felicità degli italiani, esperienze racchiuse in libri divenuti best seller sul web. Di ritorno da un lungo viaggio che l’ha portata in giro in diversi continenti, racconterà il progetto The Never
Ending Road, La strada Infinita, il giro del mondo in bicicletta attraversando gli oceani in barca a vela. Novità di questa edizione sarà quella di affiancare un programma di workshop di scrittura, fotografia, illustrazione per consentire ai partecipanti di confrontarsi con tecniche ed esperienze di narrazione. Ricco il programma alla scoperta della storia della Via Francigena , della biodiversità e della geologia della Montagnola Senese. Da segnalare l’escursione nella grotta Buca del Chiostraccio, ricca di sale, di stalattiti e stalagmiti, dove sono state ritrovati scheletri di Homo Sapiens. Altrettanto suggestivo è l’attraversamento del Canale del Granduca, un antico tunnel sotterraneo lungo più di due chilometri. Non mancherà la musica con il concerto finale di Fanfara Station, trio in grado di combinare i suoni da orchestra ottomana ai ritmi nordafricani. Un dance party, sarà creato dal vivo dal musicista tunisino MarzoukMejri e dal trombettista americano Charles Ferris, grazie alle loop station usate per sovra incidere sul palco gli strumenti. Slow travel è organizzato da Ciclica.cc, Andare a Zonzo e Movimento Lento, con la collaborazione di Regione Toscana Promozione e del Comune di Monteriggioni.







Giuseppina Serafino