Cerca in YouTube:

Loading...

domenica 24 settembre 2017

Aggiungi un borgo a tavola

Dopo aver proclamato l’Anno dei cammini nel 2016, il Ministero
dei beni e delle attività culturali e del turismo ha decretato il 2017 come Anno dei Borghi. Il Touring Club Italiano per quattro fine
settimana, dal 23 settembre al 15 ottobre, invita alla scoperta delle
piccole eccellenze che
costituiscono il cuore del nostro
Paese. Molteplici saranno le iniziative che connoteranno questi ”week end arancioni”: attività didattiche per i piccoli per diventare “Chef per un giorno con il
miele”all’Oleificio di Tignale, in Lombardia; a San Casciano dei Bagni, in provincia di Siena, domenica 24 settembre si parte per un trekking tra i vigneti di Palazzone, frazione conosciuta per la produzione del vino Chianti DOCG e per le sue cantine di fama internazionale. Sono ben 224 le località dell’entroterra, disseminate in tutte le regioni italiane, che hanno ottenuto la certificazione Bandiera arancione: un ambìto marchio di qualità turistico-ambientale che viene assegnato ai borghi eccellenti
con meno di 15.000 abitanti e che soddisfano più di 250 rigorosi criteri di valutazione, raggruppati in cinque macroaree . La prima è l’ACCOGLIENZA, intesa come completezza dei servizi di
informazione turistica e della segnaletica,
accessibilità alla località e mobilità interna; la RICETTIVITA’ E SERVIZI COMPLEMENTARI, riguarda la completezza del sistema ricettivo e ristorativo; rilevanti
sono poi i FATTORI DI ATTRAZIONE TURISTICA, riferiti al grado di conservazione e fruibilità delle risorse storico-ambientali; la QUALITA’ AMBIENTALE è relativa alle azioni intraprese nella gestione ambientale e dei rifiuti, al risparmio energetico; decisiva è la STRUTTURA E QUALITA’ DELLA LOCALITA’, ossia la valutazione delle componenti, anche immateriali, atte a creare nei visitatori un’immagine positiva della destinazione. Tutti questi fattori fanno sì che si tratti di luoghi dal sapore autentico, in cui arte,
natura, piatti tipici, sostenibilità e accoglienza esprimano appieno la cultura del territorio a cui appartengono. L’iniziativa nacque a Sassello, nel
savonese, dove prese forma l’esigenza di una maggiore
valorizzazione dell’entroterra, l’Assessorato al Turismo della Regione Liguria fu sensibile a questa proposta e nel 1998 avviò una riflessione, insieme al Touring, su come stimolare, coinvolgere e promuovere i territori lontani dalla costa. L’edizione del 2016 ha visto più di 100.000 partecipanti e oltre 200 visite organizzate dai Comuni, a dimostrazione che Bandiere arancioni sono
simbolo di un’Italia minore efficiente. L’ottenimento del marchio agevola il processo di miglioramento turistico-ambientale, un incremento dei flussi turistici (circa + 36% di presenze), il dinamismo delle iniziative imprenditoriali ( l'81% dei Comuni ha avviato un nuovo esercizio commerciale, con incremento medio del 141% di esercizi extra alberghieri). L’inizio della stagione
autunnale contribuirà ad
esaltare con i suoi colori l’aspetto
incantevole di 100 borghi Bandiera arancione del Touring che porteranno a tavola le tradizioni italiane fra sapori tipici, sagre, street food ed iniziative culturali di grande pregio da scoprire.
                              Giuseppina Serafino

giovedì 21 settembre 2017

La seduzione di The Micam84

Una qualificata e autorevole vetrina delle nuove collezioni della calzatura all’84esima edizione di The Micam, a Rho Fiera Milano, all’insegna di un mix di ingredienti che la rendono un’esperienza ben consolidata.  
 A confermare la sua leadership nel panorama fieristico globale sono i 1.441 espositori, dei quali 797 italiani, un comparto di punta che occupa oltre 77 mila addetti diretti in quasi 5mila aziende. Anche quest’anno è proseguito il viaggio allegorico nei gironi infernali della “Divina Commedia”, con il tema scelto da Assocalzaturifici per il lancio della nuova campagna pubblicitaria. Dopo il tema della
“Lussuria” che ha animato l’edizione di febbraio, è stato dato spazio alla “Seduzione” per raccontare la
bellezza e la qualità artigianale della scarpa, espressione di uno stile 
elegante e raffinato. Accanto ai grandi marchi presenti, si sono schierati anche i “Big” del mondo della moda: Fendi, Salvatore Ferrogamo, Gucci, Prada e Tod’s nella fashion Square, con nuovi ed importanti brand come Giorgio Armani, Jimmy Choo, Dolce&Gabbana, Sergio Rossi ed Ermenegildo Zegna. Dalla volontà da parte di tutta la filiera della moda di “fare sistema”, è nato un progetto ambizioso che vede 
la sua concreta attuazione nella nuova sinergia con i calendari di Milano Moda Donna. Una sovrapposizione strategica che, attraverso l’unificazione di sfilate e fiere , si pone l’obiettivo di rendere nel tempo Milano vero e proprio simbolo del Made in Italy.”Sul concetto di “Unicità” si base anche il tema della lotta alla contraffazione, un mercato interno del falso che provoca un danno economico alle industrie calzaturiere
stimato tra i 190 e 240 milioni di euro. Il settore calzaturiero guarda ai giovani che necessitano di una formazione professionale adeguata: a loro è stato dedicato il concorso “Asia. Tra mito e magia”, nato dalla collaborazione con il Miur, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ha visto la
partecipazione di oltre 70 scuole di ogni ordine e grado. 
Inoltre presso Spazio Borgonuovo, nel quadrilatero della moda milanese, The Micam ha curato una speciale mostra fotografica tratto dal libro “Similitudini. L’arte della calzatura italiana” ideato dal celebre fotografo Giovanni Gastel. Identità culturale, design raffinato e qualità dei materiali costituiscono il tratto distintivo dello stile delle calzature italiane. “E’ indispensabile che il consumatore percepisca che c’è una storia dietro ai prodotti che acquista”-ha dichiarato Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici- “Dobbiamo prendere coscienza del fatto che Made in Italy non significa soltanto che il prodotto è di fabbricazione italiana, bensì che è frutto di una creatività tutta italiana. L’autenticità di una calzatura non è imitabile, né replicabile”.


                                         
   Giuseppina Serafino

lunedì 18 settembre 2017

Cosmobike e i Comuni ciclabili

In occasione di CosmoBike Show di Verona sono state consegnate le prime “bandiere gialle” della ciclabilità italiana. Si tratta di un nuovo riconoscimento “Comuni Ciclabili” di FIAB
(Federazione italiana amici della bicicletta) per le amministrazioni italiane attive in politiche bike-
friendly e per città a misura di bicicletta. Il riconoscimento attribuisce alle località un punteggio da 1 a 5, assegnato sulla base di diversi parametri e rappresentato da altrettanti “bike-smile” apposti sulla bandiera. Le prime 15 realtà territoriali ad essere insignite di tale menzione sono: Belluno, Cannobio (VCO), Corinaldo (AN); Fano (PU),Ferrara, Giulianova (TE); Loano (SV); Parma, Pescara, Pineto (TE); Rimini, Sestri Levante (GE), Sulbiate (MB); Urbana (PD) e Vittorio Veneto (TV) Sono città ubicate un po’ in tutta Italia e di dimensioni diverse, i cui territori, grazie alla loro morfologia e attitudine
turistica, vantano lunghe piste ciclabili. L’intento è quello di incentivare le amministrazioni ad adottare politiche a favore della mobilità ciclistica, premiare l’impegno di coloro che
hanno varato iniziative bike-friendly e valorizzare le strutture più accoglienti per gli estimatori della bicicletta. Il comune che ambisce per il 2018 al sopracitato riconoscimento deve possedere almeno due requisiti fra tutti quelli richiesti: uno nell’area “Infrastrutture e urbane” (ciclabili urbane e moderazione traffico e velocità) e 
uno in almeno una delle altre tre aree di valutazione (“cicloturismo”, “governance” e “comunicazione & promozione”). “Abbiamo riscontrato un grande interesse per il progetto Comuni Ciclabili e sono già un centinaio le amministrazioni che, a poche settimane dal lancio, hanno registrato su sito la loro candidatura. Ricevere la bandiera gialla della ciclabilità italiana- ha affermato Giulietta Pagliaccio, presidente FIAB- significa possedere uno strumento in più per la promozione turistica del proprio territorio, ma,soprattutto, dimostrare ai propri cittadini il positivo risultato di scelte politiche che favoriscono lo sviluppo di una mobilità sempre più sostenibile e rispettosa del’ambiente e delle persone”.
Giulietta Pagliaccio
 Fiab, a Cosmobike Show di Verona, è stato autore di molti appuntamenti come: il corso di formazione “La governance per la mobilità ciclistica”, valido per l’ottenimento dei crediti per ingegneri e architetti ; un confronto sulle ciclovie italiane, coordinato da Antonio Dalla Venezia, responsabile FIAB e della rete ciclabile italiana Bicitalia.org . Focus particolari sono stati su : Ciclovia Adriatica, Ciclovia Vento da Venezia a Torino, Ciclovia Tirrenica (percorsa dalla Bicistaffetta 23/30 settembre) e sul Progetto AIDA_ Alta Italia Da Attraversare (Da Susa a Trieste). Molti di questi percorsi hanno beneficiato o beneficeranno dei finanziamenti del Governo in tema di mobilità sostenibile.
                                                                                                 
                  Giuseppina Serafino

venerdì 15 settembre 2017

20 anni di Cheese a Bra


Un' edizione speciale di “Cheese, le forme del latte”, sarà quella che si svolge dal 15 al 18 settembre 2017 a Bra (Cn), per il 20 anniversario della manifestazione internazionale dedicata al mondo lattiero caseario. Organizzata da Slow Food, ogni due anni, essa richiama 270.000 visitatori e 300 espositori da 23 nazioni , secondo dati che si riferiscono al 2015. Il tema di questa undicesima edizione è gli Stati generali del latte crudo, dando
rilievo a quei casari che in tutto il mondo continuano a produrre formaggi con latte non pastorizzato
rispettando le normative igienico sanitario.Verrà dato spazio anche ai formaggi naturali, prodotti senza l’aiuto di fermenti naturali, in un’area chiamata Spazio libero, insieme a vini, birre, salumi senza nitriti né nitrati e pani con lievito madre. Una novità è food MOOD, la business area per gli espositori di Cheese-patrocinata dalla Camera di Commercio di
Torino e dall’Università degli Studi di Scienze gastronomiche- alla quale possono registrarsi buyer internazionali ed anche formaggiai, osti, chef e start-up. Tra Bra e Pollenzo ci sono in programma 35 Laboratori del Gusto per assaggiare nuovi cibi e bevande, approfondirne le caratteristiche con i rispettivi produttori. L’albergo dell’Agenzia di Pollenzo ospita uno degli eventi più attesi di Slow Food: gli Appuntamenti a Tavola, le cene con
grandi chef italiani e internazionali.Si rivela ricco il programma di appuntamenti con il “Buon sapere” offerto dalle Conferenze e dagli incontri della Casa

della Biodiversità. Fra gli argomenti affrontati ci
saranno: il benessere animale, con un focus sull’ alimentazione e sui mangimi; il binomio formaggi e salute, vista la tematica dell’intolleranza al lattosio sempre più attuale; il cambiamento climatico, con i primi risultati di una ricerca tesa
ad analizzare l’impatto della filiera del latte sul clima. Cheese si connota anche come una grande festa per le vie e le piazze di Bra, sono in arrivo da tutta Italia, le Cucine di strada e i food truck, atti a proporre le espressioni più golose
dello street food attuale. La Piazza della Birra, fornirà la possibilità di cercare l’etichetta che si sposa con il proprio palato e si
abbina alle proposte dei cibi di strada. Nella Piazza della pizza sarà possibile scoprire l’angolo più verace di tutta la kermesse . Tra i Paesi stranieri presenti, il focus verrà dedicato agli Stati Uniti, dove la vendita di formaggi a latte crudo è permessa solo per i caci stagionati oltre 60 giorni. Non mancheranno i Presidi di Slow Food, prodotti pregiati che attestano un immenso patrimonio di pascoli, razze, latti e saperi da salvaguardare come un’essenza che straordinariamente ci contraddistingue.
                                           Giuseppina Serafino

martedì 12 settembre 2017

150° Galleria Vittorio Emanuele di Milano

Il 15 settembre 1867, alla presenza del Re, con cittadini affacciati a finestre e balconi, avvenne l’ inaugurazione di uno dei luoghi simboli di Milano: la
Galleria Vittorio Emanuele. Progettata
dall’ architetto Giuseppe Mengoni, La prima pietra venne posata il 7 marzo di due anni prima, in una cerimonia a cui
prese parte il sindaco Antonio Beretta. Oltre 350 tonnellate di ferro vennero trasportate in treno da Parigi e la Saint-Gobain realizzò 7.800 lastre di vetro per le coperture; mille addetti, fra manovali e decoratori, lavorarono in contemporanea. La Galleria divenne una vera e propria galleria d’arte con decorazioni artistiche, marmi e con gli ornamenti delle facciate interne: candelabri, cariatidi, ringhiere in ferro battuto e gli stemmi di cento Comuni italiani. Tra maggio e agosto 1867 furono realizzate le quattro lunette
con le immagini simboliche dei continenti che contornano l’ ottagono centrale; in seguito vennero aggiunte le 
semilunette degli ingressi laterali, con le figure della scienza e dell’Industria da un lato, dell’Arte e dell’ Agricoltura dall’altro. Furono assegnati novantasei spazi commerciali vetrati, le “botteghe” che dovettero attenersi ad una norma estetica e cromatica, caratteri oro su fondo nero ,rispettate ancora oggi. L’arco e i portici di Piazza Duomo furono completati dieci anni più tardi e inaugurati il 24 febbraio 1878. Tanti gli eventi organizzati per celebrare il solenne anniversario: una cena solidale 
da tutto 
esaurito con 900 ospiti che verseranno una quota da 500 euro per una cifra di 300 mila 
euro devoluti in beneficenza. Il menu è stato ideato da Carlo Cracco, in collaborazione
pasticceria Marchesi, ristoranti Biffi, Galleria, Il Salotto e Savini. Il 15 settembre ci sarà una festa con cinque bande musicali che suoneranno l’Inno di Mameli e brani della tradizione milanese: la Banda Civicadel Comune  di Milano, la Fanfara Taurinense dell’Esercito, la Banda dell’Aeronautica, dei Carabinieri e della Polizia di Stato . Verrà 
coniata una moneta d’argento della Repubblica Italiana, dal valore nominale di 10 euro, emessa dall’ inoltre realizzata una Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. “Quando pubblico e privato collaborano in modo efficace- ed Expo è stata la dimostrazione più evidente- I risultati sono sempre positivi. I 150 anni della galleria- ha sottolineato Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio Milano-possiamo ricordarli con un’iniziativa non solo celebrativa, proprio grazie all’ alleanza tra Comune, imprese con Confcommercio e Caritas. Nei primi sette mesi del 2017 c’è stato un incremento del 9% delle presenze turistiche, con ricavi per oltre 370 milioni di euro per le imprese del settore alberghiero. Un momento davvero positivo per la città di Milano”.                                                                                                         

Giuseppina Serafino

sabato 9 settembre 2017

Milano e il nuovo Palazzo del cinema

Anteo Palazzo del Cinema è stato solennemente inaugurato alla presenza del Sindaco di Milano Giuseppe Sala. Si tratta di un progetto unico in Italia, partendo dall’esperienza di quasi 40 anni di attività è quello di un cinema che fa parte del tessuto sociale: uno spazio culturale multifunzionale e
multidisciplinare, che si apre alla città. Il progetto di ampliamento, firmato dall’architetto Riccardo Rocco,
ha portato il cinema Anteo da 4 a 10 sale,
sviluppate su 4 piani, per un totale di 5.500 mq. Il lavoro di ristrutturazione, sostenuto
completamente da Anteo, è stato possibile grazie alla collaborazione con il Comune di Milano, proprietario dell’immobile, che ha affidato la gestione alla società per 28 anni. Nove sale cinematografiche, una sala cinema-ristorante, una sala multimediale dedicata all’on-demand, servizi di ristorazione e per l’infanzia, in una struttura aperta dalle 10 del mattino fino all’1 di notte. Due sale avranno una programmazione specifica,una destinata al cinema in lingua
originale e l’altra al cinema italiano con opere prime e seconde. Lo Spazio Piccoli, gestito da Associazione Energie Sociali Jesurum, oltre che ad intrattenere i bambini, offrirà percorsi per
studenti ed insegnanti. La sala multimediale on-demand sarà un vero e proprio “salotto di casa” al cinema, attrezzato con proiettore 2k, schermo e divani, dove si potrà organizzare una serata con gli amici scegliendo il contenuto da condividere. Palazzo del cinema sarà un’eccellenza in termini culturali ed anche tecnologici, le sale saranno dotate di proiettori 4k e 2k Barco/Cinemeccanica e una sarà fornita di AtmosDolby, un sistema all’avanguardia che permette

di generare un ambiente audio

tridimensionale più realistico. Diverse le partnership di cui ci si è avvalsi: De Padova per gli arredi del caffè letterario e del foyer del piano terra; Kartell ha disegnato gli spazi del ristorante e del giardino con prodotti iconici personalizzati; Cappellini ha
arredato alcuni spazi con importanti pezzi di design progettati da Jasper Morrison, e i fratelli Bourroulec. Al piano terra la libreria del cinema, ampliata con l’ adiacente bar di via Milazzo, assumerà la veste di Caffè letterario,
avvalendosi della partnership con Eataly, che curerà la proposta culinaria della sala ristorante cinema. Prosegue la collaborazione con Lipsos per l’Osteria 
del Cinema che triplicherà i suoi spazi: allo storico ristorante al l 
piano terra si aggiungeranno un giardino con 70 posti a sedere e una birreria nella taverna sottostante. Due sale al secondo piano ospiteranno la Biblioteca Pubblica dello Spettacolo, dove verranno raccolti libri, cataloghi ed altri materiali legati al mondo dello spettacolo e dove il pubblico potrà leggere e scambiarsi opinioni sui film. Un’ultima novità è rappresentata dai nomi delle dodici sale, ognuna delle quali avrà il nome di un cinema di Milano che non c’è più, scelti dal pubblico in una lista di 100 cinema che hanno spento le luci. Tanti gli illustri ospiti che hanno salutato la nuova struttura con la loro presenza: Angela Finocchiaro , Claudio Bisio, Maurizio Nichetti, Francesco Rutelli (Presidente Anica), Giorgio Armani, fotografati da una Milano gioiosamente in festa!

   
                             Giuseppina Serafino